Inaugurazione sabato 21 maggio alle ore 10,00 alla presenza del Sindaco Piero Fassino

Banca d’Alba apre il centro medico a Torino e aumenta le filiali

Continua il grande sviluppo con il centro medico a Torino e la nuova Filiale con area self.

Banca d’Alba è ai vertici del Credito Cooperativo nazionale grazie al suo primato per numerosità della compagine sociale con i suoi 48.602 Soci. Vanta volumi pari 8,4 miliardi di euro ed un patrimonio di oltre 318 milioni di euro.
Opera in Piemonte e Liguria con 70 filiali e 460 dipendenti, al servizio di 136.000 clienti e dei suoi Soci.
La sua natura cooperativa ne fa una banca differente, che pone al centro il servizio alla persona, non solo in ambito bancario ma anche in quello sociale e sanitario.
Ed è proprio in questo ultimo ambito che da oltre 20 anni la Fondazione Banca d’Alba è attiva con iniziative di prevenzione sanitaria (melanoma, ipertensione, diabete, aneurisma, scoliosi), ma soprattutto attraverso l’attività dei suoi centri medici.
Un’intuizione vincente, che fa di questa Onlus un elemento unico in Italia, nel mondo del Credito Cooperativo e non solo: un’idea, semplice e al tempo stesso rivoluzionaria per una banca, ovvero quella di prendersi cura della salute dei Soci in modo gratuito, rinsaldando quel mutuo rapporto di fiducia che, ancora oggi, costituisce la vera forza di Banca d’Alba.

 

Negli ultimi vent’anni i centri medici di Banca d’Alba hanno erogato quasi un milione e mezzo di visite specialistiche e terapie funzionali in modo gratuito agli oltre 48.000 Soci; solo nell’ultimo triennio sono state erogate 340.570 terapie e 17.597 visite.
Numeri che attestano il grande investimento che Banca d’Alba ha fatto per le persone, per la sua compagine e il suo benessere.
Nel suo sviluppo esponenziale Banca d’Alba ha raggiunto l’area torinese con il preciso obiettivo di espandersi proponendo un modo diverso di fare banca: il grande riscontro da parte della clientela torinese ha portato rapidamente il numero delle filiali in Torino e Provincia a 19.
L’ultima è proprio quella inaugurata il 16 maggio scorso in Via Nizza 170, dove sono operative sei risorse e dove si può trovare un’area self tecnologica h24.

 

Questo reciproco e progressivo scambio di fiducia tra la Banca e la città ha portato all’investimento che viene presentato oggi: un centro medico fisioterapico che curerà gratuitamente i Soci torinesi. Quasi a sancire un patto che vede la Banca sempre più impegnata per contribuire al benessere di Torino, delle sue famiglie e delle sue imprese.