Quando parliamo di Incassi contro documenti, intendiamo una forma di pagamento per le transazioni commerciali internazionali.

Banca d’Alba gestisce gli Incassi contro documenti sulla base di documenti di natura finanziaria (assegni, cambiali, tratte e pagherò, ricevute bancarie o altri strumenti analoghi) e/o commerciale (fatture, documenti di trasporto, altri documenti rappresentativi della merce), scambiati tra la banca del venditore e la banca del compratore.

IL PRODOTTO IN SINTESI
A chi è rivolto
  • Aziende che importano beni e che desiderano regolare il pagamento solo a fronte di spedizione di merci conformi agli accordi e alla ricezione dei documenti previsti per lo sdoganamento delle stesse.
  • Imprese che vendono all’estero e che vogliono tutelarsi dal rischio di mancato o ritardato pagamento da parte delle controparti commerciali, incassando a fronte della presentazione dei documenti relativi alla vendita.
Come funziona

La banca del venditore dà mandato alla banca del compratore di consegnare i documenti finanziari e/o commerciali al compratore dietro pagamento (D/P Documents Against Payment) o dietro impegno del compratore a pagare a una scadenza pattuita (D/A Documents Against Acceptance).

È efficace per gli incassi con pagamento a vista, presenta un rischio-controparte per i pagamenti a scadenza.

Normativa
Per la Normativa applicabile si fa riferimento alle Norme e Usi Uniformi della Camera di Commercio Internazionale di Parigi relativi ai Crediti Documentari – NUI 522.
(ICC Uniform Customs and Practice for Documentary Cedits – URC 522).

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni economiche e contrattuali è necessario fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili presso le Filiali e nella sezione Trasparenza del sito internet della Banca.