Dagli incontri con le scuole ai podcast, Banca d’Alba descrive con mezzi innovativi l’educazione finanziaria e la sostenibilità

Banca d’Alba ha incontrato gli studenti delle scuole superiori del territorio per un momento di riflessione sull’importante tema della Finanza Sostenibile. È successo lo scorso giugno al teatro Sociale Busca di Alba e a febbraio al Teatro di Nizza Monferrato con le scuole nicesi e di Acqui Terme. Seguiranno presto altri incontri a Bra, nel Canavese e negli altri territori. L’iniziativa di Banca d’Alba, relativamente ai temi della Finanza Sostenibile e più in generale della sostenibilità d’impresa, ha avuto lo scopo di spingere i ragazzi a riflettere su tematiche molto rilevanti, su come i comportamenti sostenibili si riflettano sulla vita di tutti i giorni e su come la sostenibilità aziendale si traduca anche in un benessere per le vite future e per l’ambiente.

Attraverso un “viaggio” virtuale si è compreso cosa sta accadendo alla Terra a causa di comportamenti umani irresponsabili e sono state prospettate soluzioni per fermare la drammatica deriva verso la quale sta precipitando il Pianeta. Attraverso video e immagini di casi concreti, si è discusso di cosa accade alle aziende che mancano di sostenibilità e cosa invece premia gli esempi di eccellenza sostenibile, i cui titoli quotati in borsa aiutano il risparmiatore ad ottenere rendimenti non solo personali, ma anche con importanti risvolti ecologici. L’obiettivo degli incontri è proprio quello di sensibilizzare le nuove generazioni, sul fatto che non è più possibile demandare, ma occorre coniugare l’impiego del proprio risparmio al rispetto dell’ambiente.

Crescere, per i ragazzi di oggi, implica numerose fasi di passaggio: la fine dell’università, l’approccio alla dimensione lavorativa, un mondo che cambia in fretta e che richiede scelte sempre più consapevoli e responsabili. In una recente ricerca a cura della Banca d’Alba, destinata proprio ai giovani, i due temi sentiti come maggiormente contemporanei e da approfondire sono stati giudicati quelli della finanza e dell’ambiente. Per avvicinarsi ancor più ai ragazzi sui temi dell’educazione finanziaria e della sostenibilità, sono in partenza due podcast proposti da Banca d’Alba e realizzati da giovani creator. Dapprima Alice, 22 anni, neolaureata, racconterà di fronte a quali scelte e necessità ci si ritrovi mentre si terminano gli studi e si inizia a entrare nel mondo del lavoro, quali sono e come funzionino gli strumenti finanziari disponibili per gli studenti e i giovani lavoratori. Le quattro puntate saranno disponibili su tutte le piattaforme come “Investo – il racconto di chi fa i conti con la crescita”.

Un secondo ciclo di podcast, a cura dei ragazzi dell’associazione Wild Life Protection, affronterà più specificatamente il tema della sostenibilità, attraverso domande e scelte importanti su mobilità, spreco alimentare e scelte d’acquisto, partendo da spunti dati da storie vere di aziende che hanno escogitato soluzioni alternative nel loro approccio improntato a una migliore eco-efficienza. Entrambi i podcast si propongono come canali di facile fruizione, attraverso la voce dei giovani stessi, per avvicinarsi agli strumenti finanziari e alle scelte economiche disponibili, prima di rivolgersi alla propria filiale.